Calendari Attività
Attività sportive Attività formative Attività progettuali
Area riservata
buy doxycycline online over the counter buy ventolin online over the counter buy zithromax online


Tesseramento:
2010

Unione Sportiva Acli

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home KUNTA KINTE CUP

KUNTA KINTE CUP

KUNTA KINTE CUP - [VIDEO]

Da sempre lo sport è stato un elemento unificatore: partendo dalle origini ricordiamo come le Olimpiadi nell’antica Grecia rappresentassero uno dei pochi momenti di tregua imposta a qualsiasi conflitto. Erano un pacifico raduno di tutti i greci in cui i partecipanti cercavano quella gloria personale che avrebbe permesso loro di ottenere l’immortalità. Gli atleti vincitori potevano essere  un vanto per la loro città, ma ciò non prevedeva che in tal modo una città fosse superiore alle altre. Lo sport nell’antichità era collegato al superamento dei propri limiti, alla cura del corpo, all’igiene, alla bellezza. I più prestigiosi artisti si riversavano nelle città, sedi dei giochi, per lavorare al servizio degli atleti. I loro corpi perfetti, il movimento, la tensione dello sforzo, venivano riprodotti in centinaia di statue. Lo sport era quasi una filosofia, un mezzo per elevare l’animo umano.
Il triste legame tra sport e razzismo porrà invece le sue basi solo nel XIX secolo, in particolare a causa dell’imperialismo britannico: il «fardello dell’uomo bianco», ovvero il diritto e il dovere di civilizzare le popolazioni «primitive» in nome della superiorità razziale dei bianchi , fu applicato anche attraverso lo sport.
Esempio eclatante saranno sono i Giochi Olimpici del 1936 tenutisi a Berlino, dei quali Hitler voleva servirsi per celebrare la supremazia della «razza ariana» sulle altre, tanto che fu impedita anche la partecipazione degli atleti tedeschi di origine ebrea, tra i quali ci sarebbero stati alcuni tra gli sportivi più talentuosi della Germania. Gli intenti di Hitler però non andarono a buon fine: la scena fu dominata dalla vittoria di 4 medaglie d’oro da parte dell’atleta afro-americano Jesse Owens, che divenne così un emblema dell’anti-razzismo

«Lo sport ha il potere di cambiare il mondo. Ha il potere di suscitare emozioni. Ha il potere di unire le persone come poche altre cose al mondo. Parla ai giovani in un linguaggio che  capiscono. Lo sport può creare speranza, dove prima c’era solo disperazione. È più potente di qualunque governo nel rompere le barriere razziali. Lo sport ride in faccia ad ogni tipo di discriminazione».

L'Unione Sportiva Acli di Benevento è partita da questo presupposto andando nei centri SPRAR per organizzare un campionato che possa dare e di qui ci si imbarcava nel progetto Kunta Kinte.
Il progetto che prende il nome dal famoso protagonista di Radici perchè ne assorbe ogni essenza, questi ragazzi non chiedevano altro che integrarsi con la società civile attraverso una partita di calcio, un momento golardico ponendoci come obiettivo il confronto, la conoscenza e lo scambio, che sono alla base di tutti i progetti e le azioni che vogliono puntare a sconfiggere il problema del razzismo e delle discriminazioni.
E dall'intreccio di relazioni, infatti, che nasce la possibilità di conoscersi e di superare paure e pregiudizi, che nella maggior parte dei casi danno vita ai fenomeni di esclusione sociale. Lo sport in questo senso è un elemento facilitatore: esso permette infatti la conoscenza, agevola la comunicazione in quanto linguaggio non verbale. Eppure accade che dagli spalti, nei commenti dei media, negli stessi regolamenti che normano le federazioni fino ad arrivare alle piccole società amatoriali, si verifichino episodi di esclusione, vedi il recente caso Muntary. Persone che hanno un colore di pelle differente, che provengono da paesi al di fuori della Comunità europea, che professano religioni differenti, che sono gay o lesbiche o con disabilità vengono escluse dal gioco, giocato o tifato che sia. La discriminazione nasce dall’assenza di conoscenza dell’altro da noi, da chi è considerato “diverso”. In questo modo, di fatto, si usano le differenze per giustificare delle azioni contro l’altro.

Cosa si può fare per combattere la discriminazione attraverso lo sport? Lo sport è il linguaggio non verbale per antonomasia, è il territorio in cui le regole sono note e comuni a tutti, è soprattutto gioco e incontro. Possiamo puntare a rafforzare queste sue caratteristiche, iniziando a usarlo come strumento di conoscenza. Sensibilizzare la società civile, comunicare, formare le persone verso una tolleranza nei confronti di chi è diverso per colore, orientamento religioso, o sessuale. E soprattutto
 
iniziare a dibattere di questi problemi, dalla scuola, fino alle curve. Queste poche pagine non vogliono essere esaustive della tematica della discriminazione nello sport, ma sono uno spunto di riflessione e un invito ad aprire gli occhi e a usare la propria testa prima di giudicare. Si tratta di un invito a leggere il mondo usando molteplici punti di vista a «Camminare nei mocassini di un altro», come recita un antico detto dei nativi americani.

Kunta Kinte Cup è questo, un campionato che parte dagli SPRAR di una piccola provincia campana ed arriva fino alla ribalta Nazionale con una squadra composta da immigrati e parteciperà alla manifestazione regina dell'UNIONE SPORTIVA ACLI cosi che potremo renderci conto di quanto lo sport influisca non solo nell’ ambito dello svago e del divertimento, ma anche in un ambito umanistico in cui ci possono essere esempi di correttezza e solidarietà, ma anche esempi di estrema violenza e discriminazione. Con questo progetto si vuole far capire quanto sia stupido il fatto di considerare una ‘razza’ superiore a un’ altra, perché tutti facciamo parte dello stesso pianeta, non importa se abbiamo un colore della pelle o una cultura differente da quella di un’  altra comunità, perché nessuno è straniero ma facciamo tutti parte della grande famiglia del pianeta  Terra.

Unione Sportiva Acli
Benevento



  Archivio "In primo piano"

Ultimo video inserito

PESCARA 2017 - Sport in tour
Archivio Video

Sondaggio

Rassegna Stampa

 
 

Ultime Notizie - NEWS

Visitatori:

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi708
mod_vvisit_counterIeri953
mod_vvisit_counterQuesta Settimana708
mod_vvisit_counterUltima Settimana7634
mod_vvisit_counterQuesto Mese31506
mod_vvisit_counterUltimo Mese26466
mod_vvisit_counterad Oggi4339862

We have: 58 guests online
Indirizzo IP: 54.198.165.74
 , 
Oggi èi: Set 24, 2017

Avvio anno sociale 2017

1a ASSEMBLEA DI AVVIO ANNO SOCIALE    Prima assemblea di avvio anno sociale 2017-2018 dell'Unione Sportiva Acli si terrà a roma il 22-23 settembre nella sede nazionale, in via marcora 18-20 agg al 15 se...segue...
CODICEterzosettore

Gli enti di promozione sportiva chiedono di rivedere il Codice del terzo settore Attraverso un documento unitario nazionale, gli enti di promozione sportiva, rivendicano il valore sociale dello sport per tutti e chiedono al Governo e alle comm...segue...
BANDO SERVIZIO CIVILE 2017

Scade il 26 giugno 2017 alle ore 14.00  il bando di Servizio Civile Nazionale per i 575 volontari impegnati nei 25 progetti ACLI Tra questi anche due progetti nell’ambito delle attività dell’Unione Sportiva Ac...segue...
Dona al 45546

Dal 10 al 21 aprile 2017 dona al 45546 e sostieni altre 1.000 giornate di cura e assistenza psicologica a casa dei malati di tumore. ANT nei palinsesti RAI dal 10 al 16 aprile e sino a Pasqua in tutte le piazze italiane con uova e colombe a s...segue...
ELETTO IL NUOVO PRESIDENTE NAZIONALE

Si è chiuso con la mozione congressuale e con l’elezione dei nuovi organi nazionali il XV Congresso nazionale US Acli,  svolto a Roma dal 24 al 26 marzo u.s. al quale hanno partecipato 265 delegati provenienti da tutt’Italia. C...segue...
GIORNATA DELLA MEMORIA

"Luoghi di speranza, testimoni di bellezza" è il tema che accompagnerà la giornata, la cui "piazza" principale sarà Locri, ma che si svolgerà, simultaneamente,in oltre 4000 luoghi diffusi in ogni parte d'...segue...
Bando Corpi Civili di Pace

Bando Corpi Civili di Pace 2016 Il  30 dicembre scorso il Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile ha pubblicato il Bando 2016 per i Corpi Civili di Pace per la selezione di 104 volontari da impiegare in progetti di servizio c...segue...
CONVENZIONE DEFIBRILLATORI

CONVENZIONE US ACLI –AUEXDE CATALOGO DAE LIFE PACK - [PDF] Gli obiettivi della convenzione, sono quelli di agevolare gli associati ad affrontare in maniera corretta ed economica questo adempimento, il cui scopo è tutelare ...segue...
ANCI - EPS

PROTOCOLLO D’INTESA TRA ANCI E  GLI ENTI DI PROMOZIONE SPORTIVA     PROTOCOLLO D’INTESA TRA   Associazione Nazionale dei Comuni Italiani, con sede legale in Via dei Prefetti, 46- Roma, codice fiscale n&...segue...
Aggiornamento Danza

                                         &nbs...segue...
Marcia della pace

 MARCIA DELLA PACE E DELLA FRATERNITA' PERUGIA ASSISI 09 OTTOBRE       ...segue...
01 luglio 2017 - Obbligo dei defibrillatori

  01 Luglio 2017 è entrato in vigore l'obbligo del defibrillatore per le associazioni sportive dilettantische. Un decreto del 26 giugno del Ministro della salute di concerto con quello dello sport,  sentito il Coni, detta le "...segue...

Vedi archivio

In primo piano