Calendari Attività
Attività sportive Attività formative Attività progettuali
Area riservata
buy doxycycline online over the counter buy ventolin online over the counter buy zithromax online


Tesseramento:
2010

Unione Sportiva Acli

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Angolo del Presidente LO SPORT UN'IMPRESA !

LO SPORT UN'IMPRESA !

 
  La responsabilità sociale dello sport per andare oltre la crisi

 

 

Il termine Impresa”, così come l’abbiamo inteso in questo titolo congressuale, mi richiama tre elementi che, mai come oggi, credo siano inscindibili uno dall’altro. Tutti e tre, oltretutto, ci interessano direttamente a prescindere dai ruoli e dai compiti che abbiamo assunto.

Il primo è senz’altro quello della fatica quotidiana, delle difficoltà del vivere e promuovere le azioni e gli avvenimenti di ogni giorno: il pensare, fare, gestire e organizzare lo sport, soprattutto come l’intendiamo noi, sembra diventare sempre di più… “un’impresa”.

Il secondo elemento è quello invece collegato ai risultati che strada facendo, attraverso la fatica, la passione, il sentirsi parte di una storia avvincente, siamo riusciti (ognuno di noi è riuscito !) a realizzare. Quei piccoli o grandi successi, spesso in luoghi di frontiera e rivolti a chi ha più difficoltà, che per noi sono sempre e restano …”grandi imprese”.

Il terzo è quello più connesso alla crisi economica attuale che è crisi anche sociale, politica e istituzionale, ci richiama e ci responsabilizza ad affrontarla da protagonisti, evitando il rischio fatale di subirla passivamente, come soggetti marginali o subalterni. Ma un protagonismo ancorato e vincolato alla nostra mission e vision associativa, ai nostri valori, alla nostra identità cristiana, al nostro essere un’organizzazione no-profit, alla nostra vita democratica e, naturalmente, al nostro principio costituente e non negoziabile dell’essere ACLI!

Ma i tre fattori vanni presi e considerati insieme, perché la sfida che ci aspetta oggi e nel prossimo futuro, quella cioè di esercitare una responsabilità sociale attraverso lo sport per andare oltre la crisi, non può fare a meno della nostra fatica, dei nostri apprezzabili risultati e della nostra capacità di relazionarci anche con il mondo economico.

E la situazione odierna soprattutto ci conferma – oggi in termini decisivi - che più nessuno da solo riuscirà a dare risposte complessive e soddisfacenti. Ecco perché, già negli orientamenti congressuali, si è voluto valorizzare il concetto della strategia delle alleanze: purché serie e di buon senso. Alleanze con l’intero Sistema Aclista, ma anche esterne con coloro che spesso incrociano il loro percorso con il nostro: Il Coni, Le Federazioni Sportive, gli Enti di Promozione Sportiva, la Cei, le Diocesi e le Parrocchie, la Scuola, l’Università, le Imprese profit e no-profit e il mondo cooperativo, le agenzie formative, il Forum del 3° Settore, le Istituzioni e gli Enti Locali.

Per il Congresso Nazionale, così come facemmo per l'Assemblea Nazionale di Bologna, cercheremo di "costruire" un momento innovativo per contenuti, sedi e tipologia di svolgimento. Se a Bologna ci eravamo messi in ascolto, a Roma ci metteremo a confronto: un confronto tra di noi, con noi e su di noi. Ma un confronto "a tutto tondo", con una visione ampia, cercando però di non disperdere contributi e potenzialità, per individuare invece le strategie e le prospettive prioritarie, da consegnare alla nuova classe dirigente nazionale che andremo ad eleggere, per affrontare adeguatamente le sfide (impegnative !) che ci aspettano. Sarà programmazione che rispetterà il filo conduttore degli orientamenti congressuali, quel "metterci in gioco" che introduce e vivifica la nostra responsabilità sociale come soggetti proponenti, attivi e propositivi, a partire dai punti chiavi emersi nell'ultimo Consiglio Nazionale: a) l'economia civile e l'impresa sociale; b) la strategia delle alleanze; c) il modello organizzativo capace di coniugare qualità, quantità e centralità del territorio; d) lo sport come strumento di nuovo welfare e cittadinanza attiva.

Avremo quindi modo di celebrare il nostro 50° compleanno rivivendo fasi, incontri emozionanti e persone della nostra storia, ci regaleremo straordinarie immagini con il Concorso Fotografico e rinnoveremo l’appuntamento con lo sport di vertice consegnando il 3° Premio Nazionale USACLI “Enzo Bearzot”, che renderemo più prezioso, proprio affiancandogli un analogo Premio destinato alle nostre progettazioni territoriali a rilevante valenza sociale.

Le sedi che ospiteranno il XIV Congresso Nazionale, la sala conferenze dello Stadio Olimpico, il Salone d’Onore del Coni e l’Aula Magna dell’Acquacetosa, sono luoghi a forte impatto simbolico per l’intero mondo dello sport italiano e penso anche internazionale. Dobbiamo essere capaci di “contaminarli” di ciò che siamo, con la nostra serietà, la nostra voglia di fare, la nostra passione, il nostro spirito d’appartenenza, la nostra autorevolezza e la nostra dedizione allo Sport per Tutti a partire dagli ultimi.

E ce la faremo: proprio per le nostre Associazioni, Asd, i gruppi, i dirigenti, gli atleti, i tecnici, gli operatori, gli istruttori, gli ufficiali di gara, i volontari, i familiari, i simpatizzanti e tutti colo che ogni giorno fanno grande e straordinaria la nostra avventura !


  Archivio "In primo piano"

Ultimo video inserito

Torneo Beach Volley UsAcli Messina
Archivio Video

Sondaggio